Verificazione Periodica degli Apparecchi Misuratori Fiscali e dei Registratori Telematici

I registratori di cassa da utilizzare per il rilascio di ricevuta conforme alla normativa possono essere Misuratori Fiscali oppure Registratori Telematici; la macchina che emette lo scontrino ha quindi ricevuto una omologa da parte del Ministero delle Finanze, e l’utilizzo è regolamentato da una serie di norme. In realtà, il Registratore Telematico è esentato dall’emissione di scontrino, e quindi questo documento avrà valore unicamente per altre motivazioni (per esempio, la gestione della garanzia del prodotto).

Nel sito dell’Agenzia delle Entrate sono ben riassunte tutte le prescrizioni relative a questi dispositivi. In questa sezione del sito, per offrire un servizio ai clienti, sono raccolte le disposizioni più importanti; si rimanda sempre però alla consultazione diretta delle fonti, che per quanto possibile viene citata.

Tra gli altri adempimenti a carico dell’utilizzatore c’è l’obbligo di sottoporre l’apparecchio ad un controllo (annuale nel caso di Apparecchio Misuratore Fiscale, biennale nel caso di Registratore Telematico); questo controllo, chiamato Verificazione Periodica, può essere eseguito solo da un Laboratorio Abilitato.

La Verificazione Periodica è anche l’attività che viene effettuata alla messa in servizio, quindi l’installazione e in seguito l’assistenza tecnica di Apparecchi Misuratori Fiscali oppure di Registratori Telematici possono essere eseguite solo da un Laboratorio Abilitato. La messa in servizio di un Registratore Telematico comporta anche altre complesse attività di competenza esclusiva del Tecnico Abilitato.

Gli organi preposti al controllo possono sanzionare seriamente l'incauto affidamento della esecuzione della Verificazione Periodica ad azienda non abilitata. Il cittadino può verificare l’abilitazione di ciascun tecnico ad effettuare la VP consultando l'elenco dei Laboratori di Verificazione Periodica autorizzati pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate;

Futura ICT è abilitata con provvedimento N. 30954/12 del 21.09.2012, e i sigilli approvati per ciascuno dei cinque tecnici abilitati recano sigla FTA01, FTA02, FTA04, FTA05 e FTA06.